Come rimuovere Cryptolocker e recuperare i file

cryptolockerNell’ultimo periodo sono davvero tante le vittime di questo Ransomware, e se stai leggendo questo articolo probabilmente questa disgrazia ha colpito anche te.

Per difendersi da questi virus gli accorgimenti migliori sarebbero avere sempre un backup aggiornato su un Hard Disk esterno o se i file vengono archiviati su Onedrive disabilitare la sincronizzazione offline, altrimenti i dati criptati verrebbero immediatamente sincronizzati con la nuvola rendendoli inaccessibili anche da li.

La prima cosa da fare se si è stati infettati da Cryptolocker è rimuoverlo per evitare che una volta recuperati i file vengano criptati nuovamente.

Per pulire il computer ci affideremo a un tool gratuito di nome Vipre Rescue:

Per prima cosa scarichiamo lo strumento da questo link.

Vipre Rescue ha bisogno di lavorare sul pc avviato in modalità provvisoria, potete seguire questa guida con le istruzioni.

Una volta avviato il PC in modalità provvisoria semplicemente eseguite il file scaricato; prima vi farà estrarre i componenti necessari e poi avvierà la scansione da una finestra simile al Prompt dei Comandi. La procedura è piuttosto lunga, ma è sicuramente la più affidabile sul mercato. Se per sbaglio si fa click sulla schermata del Prompt, la scansione si blocca quindi premere invio per farla ripartire.

Quando la rimozione è terminata riavviate il computer per tornare in modalità normale.

Ora cercheremo di recuperare i file. Premettiamo che decriptarli è praticamente impossibile perché gli algoritmi che vengono utilizzati sono molto complessi e anche con dei sistemi informatici avanzati potrebbero volerci forse mesi per trovare la combinazione giusta. Quello che è però possibile fare è recuperare una versione precedente del file quando ancora non era stato criptato.

Per far ciò ci aiuteremo con un altro tool gratuito, Shadow Explorer, scaricabile facendo click qui.

Terminato il download eseguiamo l’exe e procediamo con l’installazione guidata.

shadow explorer

Questo strumento permette di esportare file salvati nei punti di ripristino che il computer fa periodicamente. Una volta avviato selezionare in alto a sinistra la data preferita per il recupero e quindi navigare alla cartella Utenti ed esportare il contenuto della cartella relativa al nostro nome utente. Et voilà, le ultimissime modifiche non saranno presenti ma non è stato perso tutto il nostro lavoro!

Commenta

You may also like...